Il Gatto Siberiano e Neva Masquerade - Cura e Benessere

Cosa bisogna sapere perché il nostro gatto siberiano sia felice ed in saluteCucciolo gatto siberiano

alimentazione cuccioli gatto siberiano alimentazione cuccioli gatto siberiano

Cura e Benessere del Gatto Siberiano - Cuccioli, cibo e salute

Uno dei problemi più faticosi da affrontare all'arrivo di una cucciolata è la mancanza di latte di mamma gatta.

Di solito non ci sono problemi, ma può capitare per milioni di motivi, che il latte tardi ad arrivare, sia troppo poco o non arrivi del tutto. Per monitorare la situazione è indispensabile munirsi di una bilancina da cucina in grado di apprezzare il grammo e pesare i cuccioli a partire dal giorno della nascita e registrarne il peso.

Laica bilancia per pesare gattiniUna pesata al giorno ci consentirà di verificare se i cuccioli crescono regolarmente o se c’è qualche gattino che non prende peso o addirittura cala. Durante le prime 24-48 ore può essere normale una piccola perdita di peso, dopodiché il cucciolo deve cominciare a crescere di circa 10 grammi al giorno per le prime due settimane, fino ad arrivare a 20 grammi al giorno nelle settimane seguenti.

Se il cucciolo non prende peso, allora bisogna integrare il latte che gli fornisce mamma gatta. O si è fortunati e si ha un’altra gatta che allatta, o bisogna munirsi di tanta pazienza , di apposito biberon e di latte in polvere in formulazione specifica per i felini. Non tutte le tettarelle dei biberon sono uguali, alcune sono migliori di altre, ed è probabile che dovrete fare qualche prova per trovare la migliore. Anche il latte in polvere per gattini non è tutto uguale, alcuni tipi tendono a fare più grumi di altri e a sciogliersi con un po’ più di difficoltà e sono da evitare.  La tettarella, di solito, non arriva bucata ma bisogna praticare un foro per conto nostro.Biberon per gattini Noi usiamo la punta di una piccola forbicetta od un grosso spillone per bucare la tettarella. Il foro deve essere della giusta dimensione tale da non far uscire il latte se si capovolge il biberon, ma in grado di lasciarlo passare quando si strizza la tettarella. Questo perché il cucciolo deve poter  tirare il latte ciucciando e non deve andare giù da solo, altrimenti il rischio è che il latte possa andare nei polmoni aumentando il rischio di polmoniti. Il latte, e qui ci vuole molta dedizione, va dato ogni tre ore, anche di notte. Dalla terza settimana si può cominciare a diradare le dosi ad una poppata ogni 4 ore, aumentando contestualmente la quantità di latte.

Sia che mamma gatta abbia il latte sia che non l’abbia, dalla quarta  o quinta settimana, il cucciolo è pronto per iniziare lo svezzamento. Si può cominciare con un po’ di omogeneizzato per bambini al latte per creare una pappa gradevole, oppure del cibo umido di alta qualità. Ci sono anche cibi umidi formulati specificatamente per gattini e tra questi preferiamo usare le scatolette di DALLA GRANAdalla grana cibo umido per gatti, essendo una formulazione olistica e mono proteica di elevatissima qualità di carne per gatti.  Ed infatti i cuccioletti, oltre a gradire molto, non hanno alcun problema di intolleranza o diarrea con questa formulazione.

Dopo una settimana o due di cibo umido, i cuccioli inizieranno ad attaccare anche il cibo secco. Sempre rimanendo nell'ambito dell’elevata qualità, per loro come secco usiamo come marca la FARMINA, nella sua linea “grain free”, senza cereali.  Il gatto, infatti, è un carnivoro e non solo non ha bisogno di cereali nella sua alimentazione, ma spesso non sono nemmeno ben tollerati. farmina grain free cibo cuccioli gattoPurtroppo molte marche di cibo secco, anche blasonate, utilizzano il mais come ingrediente principale perché è molto economico. Ma i problemi alla fine vengono a galla. Non nominerò la marca famosa che utilizzavamo prima della Farmina ma pensate che una delle nostre gatte ha sviluppato dei calcoli urinari già all'età di 10 mesi, e tutte le altre avevano sedimenti nelle urine. Non mi stupisco quindi di vedere, nei grossi pet store una vendita continua ed in crescita di cibo speciale per combattere i calcoli urinari di struvite. Prima si compra cibo poco adatto per i nostri gatti (ma le persone non lo sanno, si fidano del marchio), poi devi passare al cibo speciale perché il gatto sta poco bene…  D'altronde fateci caso: i cibi secchi per gatti sensibili, di solito marchiati “sensitive”,  spesso non contengono mais, perché molti gatti non lo tollerano proprio provocando diarrea ed irritazioni intestinali e sono tutti monoproteici.

Da quando usiamo Farmina tutti i nostri gatti sono perfettamente in salute! Qualcosa vorrà dire…

Naturalmente non c’è solo Farmina tra gli alimenti secchi di qualità che si possono dare al proprio gatto. Di marche buone ce ne sono diverse. Per fare un esempio, ci siamo trovati molto bene con la Prolife che ha un’ottima formulazione (recentemente ha inserito il mais ma solo come quarto ingrediente), ma ce ne sono anche tante altre.

Guardate le etichette del cibo che comprate e ricordate che i gatti sono carnivori!

Last modified on Sabato, 18 Luglio 2015 08:51

Ultime dal Blog del Gatto Siberiano

Error: No articles to display